Quali sono gli oggetti di plastica più presenti negli oceani?

Dell’impatto degli oggetti di uso quotidiano sull’inquinamento delle acque si è fatto un gran parlare e periodicamente ci si pone la domanda: quali sono gli oggetti che in maggior quantità finiscono negli oceani?

A porsi questa domanda questa volta sono un gruppo di ricercatori finanziati dalla BBVA e dal Ministero della Scienza spagnolo, che hanno pubblicato su Nature Sustainability un interessante articolo¹ che indaga l’inquinamento da plastica degli oceani.

inquinamento oggetti di plastica oceani

La conclusione dello studio mostra che quasi la metà dei rifiuti dispersi in mare superiori alla misura di 3 cm (escludendo quindi le microplastiche) rientrino all’interno delle seguenti categorie:

  • sacchetti di plastica monouso 14,1%
  • bottiglie di plastica 11,9%
  • contenitori 9,4%
  • involucri di cibo 9,1%
  • corde sintetiche 7,9%
  • oggetti per la pesca 7,6%
  • tappi e coperchi di plastica 6,1%
  • packaging industriale 3,4%
  • bottiglie di vetro 3,4%
  • lattine 3,2%

tabella dati inquinamento oceani

Da dove vengono i rifiuti

La stessa rivista ha pubblicato anche un altro studio che analizza la provenienza della spazzatura rilasciata in mare da 42 fiumi europei. Italia, Turchia e Regno Unito si posizionano ai primi tre posti come più grandi produttori di rifiuti in acqua.

inizia il quiz

Qual è la soluzione?

È evidente come ormai l’inquinamento da plastica non sia gestibile attraverso la pulizia delle foci dei fiumi, mentre si rende sempre più urgente un intervento alla fonte, evitando quindi di fare arrivare la plastica nell’ambiente attraverso un corretto smaltimento dei rifiuti.

Da questo punto di vista alcuni paesi sono più virtuosi di altri: l’Unione Europea ha attivato politiche che intervengono sia sulla produzione di plastica che sul suo smaltimento, ma altri paesi non hanno ancora legiferato a questo proposito, come è il caso di Australia e Stati Uniti.

E a livello individuale?

borraccia mylaica

Nel nostro quotidiano abbiamo un ruolo chiave nel limitare la dispersione dei rifiuti plastici nelle acque. Ecco alcuni consigli di base per un comportamento sostenibile e rispettoso dell’ambiente:

  • Dotarsi di un sistema filtrante per evitare l’acquisto di bottiglie d’acqua in plastica monouso
  • Usare borse e sacchetti in tela riutilizzabili per la tua spesa
  • Non usare cannucce, posate e piatti di plastica
  • Evitare di acquistare frutta e verdura già impacchettata in packaging di plastica usa e getta
  • Al momento di acquistare un oggetto in plastica, prediligere sempre la plastica riutilizzabile a quella usa e getta
  • Portare sempre con se una borraccia in modo da evitare l’acquisto di bottigliette di acqua in giro
  • Non gettare nel WC scarti plastici di nessun tipo
  • Smaltire correttamente la plastica che si produce seguendo le istruzioni del comune di residenza

quante bottiglie di plastica consumi


Bibliografia:
1 - Nature Sustainability / An inshore–offshore sorting system revealed from global classification of ocean litter An inshore–offshore sorting system revealed from global classification of ocean litter

Tocca a te, lascia il tuo commento!


Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal blog!