Perché bere tisane è un’ottima abitudine per il benessere

Tra i principali alleati per l’idratazione quotidiana, le tisane sono una soluzione ideale per diversi motivi.

Le tisane sono delle bevande a base di acqua preparate con una o più erbe, che hanno diverse proprietà e si possono preparare in modi diversi a seconda del metodo estrattivo che richiede ognuna delle sostanze scelte.
Sfruttando l'effetto solvente dell’acqua, estraggono sostanze medicamentose con diverse finalità da alcuni tipi di piante adatte a questo uso.

Perché le tisane fanno bene alla salute

tisane-acqua-filtrata-laica

1. Incoraggiano l’assunzione quotidiana di liquidi

La European Food Safety Authority (EFSA) ha confermato che esiste un rapporto di causa / effetto tra l’idratazione quotidiana individuale e il mantenimento delle funzioni standard da un punto di vista sia fisico che cognitivo. È stato dimostrato che una perdita d’acqua corporea dell’1% di solito si compensa entro 24 ore, ma che se questa compensazione non avviene e la percentuale di acqua persa aumenta, si arrivano a compromettere le funzioni fisiche e cognitive.

Secondo le indicazioni del Ministero della Salute, non esiste uno standard rigido riguardo alla quantità corretta di acqua da bere ogni giorno per prendersi cura del proprio benessere: questo infatti dipende dallo stato di salute di ogni individuo, dall’ambiente in cui vive, dallo stile di vita (sedentario/attivo) e dal tipo di alimentazione.
Tuttavia sono stati stabiliti dei valori di riferimento in condizioni moderate da tutti i punti di vista: dal punto di vista delle temperature ambientali, della dieta e dei livelli di attività fisica.

neonati sino a sei mesi di vita

100 mL/kg al giorno

bambini

• tra 6 mesi e un anno di età: 800-1000 mL/giorno,
• tra 1 e 3 anni di vita: 1100-1300 mL/giorno,
• tra i 4 e gli 8 anni di età: 1600 mL/giorno;
• età compresa tra 9-13 anni: 2100 mL/giorno per i bambini e 1900 mL/giorno per le bambine;

adolescenti, adulti e anziani

• femmine 2 L/giorno
• maschi 2,5 L/giorno.

Molte persone però trovano una barriera al consumo di acqua perché bere un bicchiere di acqua non è un gesto che entra nelle loro abitudini o perché trovano sgradevole o insignificante il suo sapore. Ecco allora il primo motivo per cui bere tisane fa bene alla salute: sono una soluzione più saporita e interessante per aumentare l’assunzione quotidiana dei liquidi necessari alla salute.

2. Hanno proprietà terapeutiche

Le tisane possono avere diverse tipi di proprietà a seconda dell’erba o del mix di erbe con cui si preparano. Esistono tisane con proprietà dimagranti, drenanti, lassative, ecc. L’ideale è rivolgersi a un’erboristeria di fiducia per acquistare la soluzione migliore in base alle esigenze personali.

3. Possono rappresentare una pausa sana

In alternativa ad altre soluzioni meno salutari che sono frequentemente usate come pausa (caffè o bevande a base di caffeina, alcolici, cibi non equilibrati ecc.), sorseggiare una tisana permette di fare una pausa dal ritmo frenetico della giornata prendendosi cura di sé.

ebook LAICA filtrazione acqua domestica

4. Sono interessanti dal punto di vista nutrizionale

Tutte le tisane forniscono nutrienti interessanti, come per esempio sali minerali, vitamine e oligoelementi, che vengono rilasciati dalle piante scelte per la preparazione della bevanda.

5. Portano numerosi benefici grazie al calore

Il calore che arriva allo stomaco dopo aver bevuto una tisana ha interessanti ripercussioni sull’organismo:
- Riscalda nella stagione più fredda aiutando così la termoregolazione
- Aumenta la temperatura di tutto l’apparato respiratorio, favorendo così lo scioglimento di eventuale catarro
- Favorisce il processo digestivo
- Aiuta a rilassare mente e corpo

6. Ottime alleate per dissetarsi con l’arrivo delle alte temperature

Le tisane sono bevande adatte solo ai periodi più freddi? Assolutamente no! Esistono numerose varianti che si possono preparare direttamente con acqua fredda, oppure che possono essere preparate con acqua calda, conservate in un luogo fresco e consumate una volta raffreddate. Tisane alla menta o alla liquirizia, solo per fare alcuni esempi, oltre ad avere importanti proprietà diuretiche, sono ideali anche per dissetarsi con gusto nelle giornate più calde dell'estate. 

Quando bere le tisane?

tisane-acqua-filtrata-laica2

Si possono bere tisane in qualsiasi momento della giornata: a colazione, in alternativa al classico caffè o cappuccino; dopo pranzo per facilitare la digestione; a metà mattina o metà pomeriggio per fare una pausa curando la propria idratazione.
Sebbene l’idea di tisana sia associata alla stagione invernale, in realtà è un’ottima opzione per tutto l’anno! Si possono infatti degustare tisane fredde anche nella stagione più calda, quando è ancora più importante l’assunzione di liquidi a causa dell’aumento delle temperature.

Come si preparano: tre tipi di tisane

Esistono diversi tipi di tisane in base al loro modo di preparazione:

1. Tisana infuso

Probabilmente nella sua versione più popolare, la preparazione dell’infuso avviene versando acqua bollente sulla miscela prescelta, lasciandola in ammollo dai 5 ai 20 minuti a seconda delle piante selezionate, in un contenitore chiuso.

2. Tisana decotto

La tecnica del decotto consiste nell’immergere il mix di erbe in acqua fredda che verrà poi portata a ebollizione dai 5 ai 30 minuti. A seguire si effettua una macerazione a fuoco spento per qualche minuto e infine si filtra prima del consumo.
Ogni mix di erbe richiede un processo diverso di preparazione che viene sempre indicato sulla confezione o dall’erboristeria presso cui si acquista.

tisane-acqua-filtrata-laica3

3. Tisana macerato

In questa versione si lascia riposare l’erba in acqua a temperatura ambiente, da un giorno a diverse settimane. I residui che si troveranno verranno poi filtrati e spremuti.
Questo tipo di preparazione, decisamente meno diffusa, è utile nel caso di piante troppo sensibili alle temperature e che quindi rischierebbero di perdere le loro proprietà con l’acqua calda o nel caso di piante che estrarrebbero una quantità eccessiva di sostanze indesiderate a causa del calore.

Per preparare una tisana perfetta, l’ideale è utilizzare l’acqua migliore, priva quindi di eventuali sapori sgradevoli dovuti a residui di cloro. Per questo, è consigliabile optare per un’acqua filtrata in modo da utilizzare questo ingrediente di base nel suo stato ottimale, senza che il suo sapore interferisca con il sapore finale della tisana.

Puoi trovare tutte le info sulla filtrazione domestica nella nostra Guida

quiz laica filtrazione acqua domestica

Tocca a te, lascia il tuo commento!


Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal blog!